domenica 18 maggio 2014

GERMOGLI DI ALFA ALFA




Avevo già scritto un post in cui parlavo dei germogli di grano saraceno fatti senza germogliatore con il metodo del sacchetto (facilissimo), per scoprire come si fa clicca qui.

Visto che amo i germogli ho deciso di investire ben 20 euro per un comodissimo germogliatore e devo dire che mi trovo benissimo.

Mi sembra quasi di avere un mini orto in appartamento, si lo so.. non sono normale… ma l’idea di autoprodurmi il cibo in un appartamento mi diverte un sacco XD

Le proprietà dei germogli sono tantissime in particolare quelli di Alfa Alfa (in foto) e poi sono buonissimi, in insalata, nei panini, per condire e farcire e si conservano anche per più di una settimana se conservati bene: io consiglio di metterli in un barattolo di vetro in frigo.

“I germogli sono descritti nei testi medici cinesi già dal 5000 a.C., ritenuti essenziali nella dieta alimentare per le loro proprietà antinfiammatorie e rafforzanti per l'organismo e per il loro alto contenuto in vitamine.  Gli Alfa Alfa si conoscono anche come Erba medica, Erba spagna, Erba merica ed appartengono alla famiglia delle leguminose.

PROPRIETA’
Come l'orzo, il frumento e la spirulina, ricchi in clorofilla, anche l'alfa alfa ne è un'ottima fonte tanto da essere quindi di beneficio in casi di anemia, emorragie, diabete, gastrite, ulcere, disturbi del colon e alito cattivo. I germogli Alfa Alfa contengono calcio, potassio, magnesio, fosforo, ferro, zinco, selenio e le vitamine A, B, C, D, E, K, U. Utilizzandoli regolarmente nell'alimentazione quotidiana possono diminuire i livelli di colesterolo LDL (quello "cattivo") aumentando quelli del colesterolo HDL (quello "buono"). L’alfa-alfa ha una grande azione rimineralizzante, è un potente ricostituente tanto da essere di grande aiuto in caso di alimentazione scarsa, astenia, convalescenza. Prevengono l'artrite, curano i reumatismi e il diabete grazie  al contenuto di manganese. La vitamina K rinforza il sistema vascolare e aiuta la coagulazione del sangue prevenendo così emorragie. Pare aiutino anche a contrastare l' invecchiamento e l'arteriosclerosi.

Grazie alle radici profonde dell'erba medica, la pianta assorbe sostanze nutritive dal profondo del suolo fornendo così alla pianta stessa proteine (già sotto forma di amminoacidi essenziali perfetti per il nostro organismo), beta carotene, vitamine, minerali, enzimi, cumestrolo, isoflavoni, fitoestrogeni e gli alcaloidi asparagina e trigonellina. I germogli ovviamente ne sono ancora più ricchi.

CURIOSITA’ STORICHE
Ai tempi dell'antica Roma i soldati romani durante i loro spostamenti avevano bisogno di nutrirsi con alimenti energetici ma poco voluminosi. Per questo si dice che usassero portare delle sacche in tessuto legate alla vita e colme di semi di ogni tipo. Al contatto con il calore del loro corpo caldo i semi iniziavano a germogliare. Un'idea originale ed economica per avere un germogliatore "portatile".

COME FARE I GERMOGLI IN CASA

Semina:
Lasciate a bagno i semi per una notte, il mattino successivo si possono disporre quindi nel germogliatore.(lasciandoli al buio)  

Innaffiatura:
I germogli di erba medica, alfa alfa richiedono due risciacqui al giorno. Si consiglia quindi di bagnarli 2-3 volte al giorno per averli pronti in pochi giorni. 

Luce:
È consigliabile lasciarli alla luce indiretta del sole per un paio di giorni prima di procedere con il raccolto.  

Raccolta:
Il tempo di germinazione è di 3-6 giorni, compreso l’inverdimento. Possiamo considerarli pronti per la raccolta e il loro consumo quando raggiungeranno l'altezza minima di cm 2,5 e massima cm 5. I germogli di alfalfa sono più dolci quando sono ancora giallastri, cioè prima che si sviluppi la clorofilla, anche se c'è chi li apprezza meglio quando sono di colore verde intenso. 
Tratto da alimentipedia

Nessun commento:

Posta un commento